Tempio Gunung Kawi Bali: Info, Tour e Biglietti

É impossibile pensare di fare un viaggio a Bali senza includere nel proprio itinerario i suoi straordinari templi. Questi preziosissimi gioielli architettonici, spesso nel bel mezzo della giungla balinese e delle sconfinate risaie, sono alcuni dei simboli più iconici di questa fantastica isola indonesiana.

Tra tutti ce n’è uno (o meglio, un complesso) che vi farà sentire particolarmente lontani dal tempo, nonostante per raggiungerlo dovrete un pò faticare. Si tratta del tempio di Gunung Kawi.

Prima di continuare…

Ecco alcuni link davvero utili per pianificare la tua vacanza a Bali.

Migliori tour da fare

I migliori posti dove dormire

Il tempio Gunung Kawi Sebatu a Bali

Il tempio di Gunung Kawi (o Pura Gunung Kawi) si trova in una vallata bagnata dal fiume Pakerisan a Tampaksiring, a circa mezz’ora di distanza da Ubud e a poco più di un’ora da Kuta. Si tratta di un complesso di enorme interesse, composto da 10 santuari funebri.

Per visitarli tutti dovrete prepararvi ad affrontare una scalinata in salita con più di 270 gradini. Ma non lasciatevi scoraggiare da questa premessa: quello che troverete a ogni passo varrà ogni fatica.

Durante la vostra ascesa, troverete non solo monumenti, ma potrete anche rendervi conto di quanto valore abbia la natura in questi luoghi. Tutt’intorno, infatti, a dominare è il verde, con le tipiche terrazze coltivate a riso e i meravigliosi paesaggi naturali balinesi.

Scendendo e risalendo i gradini, potete anche fermarmi nei negozi di souvenir oppure nei piccoli caffè e ristorantini affacciati sulle risaie.

Come vestirsi

Prima di entrare nel tempio di Gunung Kawi (ma in realtà in tutti i templi di Bali), accertatevi di indossare un abbigliamento adeguato. Non è consono accedere con canottiere e shorts o vestiti scollati e che lasciano scoperte ampie parti del corpo, come per esempio i top.

In genere, alle donne viene chiesto di indossare il sarong, una sorta di pareo da legare alla vita che copre il corpo fino alle ginocchia. Questo a prescindere che si abbiano pantaloni lunghi o vestiti. Se non lo avete, ve ne verrà dato uno direttamente all’entrata.

Gli uomini, invece, spesso indossano una sash, una cintura da legare in vita che si può anch’essa noleggiare all’ingresso.

Consigli per la visita

Potete visitare il tempio di Gunung Kawi tutti i giorni dalle 8 alle 18. Per accedere vi basterà acquistare un biglietto che ha un costo di:

  • 50.000 rupie indonesiane per gli adulti (circa €3,00)
  • 7.500 rupie indonesiane per i bambini dai 5 agli 11 anni (circa €1,50).

Nel biglietto è incluso anche il sarong da indossare per entrare nel tempio.

In ogni caso, tenete presente che si tratta di un’attrazione molto popolare e che quindi i prezzi potrebbero variare di periodo in periodo.

Il momento della giornata migliore per percepire l’essenza più autentica di questo posto tra i più caratteristici di Bali è il primo mattino, quando la gente locale è impegnata nelle proprie attività giornaliere come il lavaggio delle offerte cerimoniali. Vedere queste persone all’opera sarà di certo un’esperienza particolare. Inoltre, a quest’ora troverete poca gente e potrete godere appieno della pace che circonda il tempio.

La storia del tempio

Il tempio Gunung Kawi è il più grande e antico complesso di templi di Bali. Come anticipato, si tratta di una serie di nicchie scolpite direttamente nella roccia chiamate candi, particolarmente sacri per i balinesi. Non a caso, al suo interno troverete un arco di pietra con due vasi ai lati pieni di acqua santa, con la quale dovrete necessariamente bagnarvi come segno di purificazione.

Il tempio si trova tra giardini, risaie e cascate in prossimità del fiume sacro Pakerisan: sulla sponda ovest del fiume si affacciano quattro santuari, mentre su quella est se ne trovano altri cinque. Uno, invece, è collocato in una zona più appartata.

All’interno del sito troverete anche delle piccole grotte dove un tempo i monaci buddisti venivano a meditare e contemplare.

La storia di questo tempio è molto antica. Pare che i candi siano stati edificati agli inizi dell’XI secolo per volere del re Anak Wungsu in onore di suo padre Udayana. Al contrario di quel che si può pensare, i candi non sono vere e proprie tombe, ma luoghi simbolici in onore dei membri della famiglia reale e della dinastia. In ogni caso, ancora oggi su questi monumenti aleggia qualche mistero sulla loro originaria funzione.

Quel che è certo è che questo sito è uno dei luoghi più interessanti e affascinanti di Bali perché racconta molto sull’antica civiltà indonesiana e lascia trapelare da ogni angolo la spiritualità di cui questo posto è intriso.

Visitare il tempio Pura Gunung Kawi

Il complesso non è particolarmente grande, e può essere visitato in due ore circa. Si tratta però di un elemento ricco di storia, e crediamo sia più facile apprezzarlo con l’aiuto di una guida che possa descriverne gli elementi caratteristici più importanti.

Di seguito il tour consigliato.

Informazioni

  • Biglietto d’ingresso: 50.000 IDR, pari a circa 3€
  • Orari: tutti i giorni dalle 8.00 – 18.00
  • Durata consigliata: 2 ore circa
  • Mezzo consigliato: driver, scooter, auto

Mappa e indirizzo